Amahoro

E’ finita un’altra missione in Burundi, la seconda e spero non l’ultima. Ho avuto l’onore di accompagnare per una volta ancora il professore Monti e il professore Falez e a noi si è unito il prof. Alfredo Schiavone Panni, Ordinario di Ortopedia presso la Facoltà di Campobasso.
Cosa dire… non vedo l’ora di tornare. La prima volta, un anno fa, era come essere messo al mondo, succede e non sai perché… è accaduto! Ma questa volta è stato differente, la malattia d’Africa mi è entrata nel sangue. La forza dirompente della natura si manifesta completamente nella gioia di vivere di questo popolo.
Quello che mi manca sono i sorrisi, le strette di mano, gli abbracci e la giovialità del popolo burundese che non mancano mai nella quotidianità o nella sofferenza. La pace interiore che l’Africa ti trasmette è difficilmente descrivibile ma come una malattia è da infettare, hanno bisogno di noi e noi di loro…

Achille Contini

0 366